Cielinterra

cieliinterralocandina2016-webCieliInTerraLocandina2015-1cielinterra

 

Cielinterra è una rassegna di concerti di musica da camera nata in Valle Camonica nel 2008. Il connubio musica-montagna è stato scelto nel tentativo di dare una realizzazione “tangibile” al naturale istinto dell’uomo di raggiungere il Cielo. Crediamo, infatti, che sia la montagna che la musica contribuiscano a rendere più vicina questa aspirazione umana.

Petrarca racconta in una sua epistola delle Familiari di quando, dopo la sua “ascensione” al Monte Ventoso, si trova a dover riflettere sulla sua vita e casualmente, aprendo il libro delle Confessioni di S. Agostino, legge la frase: “E vanno gli uomini a contemplare le cime dei monti, i vasti flutti del mare, la ampie correnti dei fiumi, l’immensità dell’oceano, il corso degli astri e trascurano se stessi”. Le riflessioni che Petrarca fa alla vista delle Alpi costituiscono un esame di coscienza, un bilancio interiore, il capire che vi è un qualcosa al di là delle cose materiali. Così anche l’uomo di oggi vuole raggiungere il Cielo e non possiamo esimerci dal menzionare le varie cappelle della via crucis costruite spesso “in ascesa”.

Oltre alla montagna, però, cosa meglio dell’arte della musica vi è per arrivare al Cielo?

Storicamente sappiamo che per i greci il cosmo era organizzato da rapporti numerici che sono essi stessi armonia musicale, la cosiddetta armonia delle sfere. Inoltre è indissolubile il legame fra musica e religione: il suono ha infatti una fortissima valenza simbolica poiché è in grado di mettere in contatto immanente con trascendente, in grado soprattutto di superare l’inevitabile rottura tra ciò che esiste, nella totalità dell’essenza, e ciò che si conosce. La musica, in più rispetto al suono, possiede la ricerca dell’equilibrio e di conseguenza della bellezza intesa in termini assoluti. La musica è quindi bellezza divina: chi fa musica e chi la ascolta ricerca questa bellezza.

Francesca Olga Cocchi